cuzzolin

Il sapere tra incertezza e coraggio

Email
Pezzella B.

pagine 300

ISBN 978-88-87479-29-4
Prezzo:
20,00 €
Descrizione

La conoscenza mobile

Nell’era dell’incertezza il sapere non ha punti di riferimento, non ha luoghi certi e persone che lo rendano sicuro. È un flusso continuo e incontrollato di informazioni che si moltiplicano e si spezzano in tante frazioni, un “dai e vai” tra memoria e brutale dimenticanza, tra realtà e virtualità, tra scientismo e falsificazione, tra mimetismo e verità relative. Spesso è piuttosto la rassomiglianza di come siamo cambiati e di come continuamente siamo indotti a cambiare. Il sapere d’elezione che garantisce denaro e potere, rimane lontano dalla diffusione globale, è controllato da pochi e non sempre è usato per fini etici e leciti, quello non conforme o scomodo spesso manca dell’energia necessaria per arrivare alla gente. Bisogna chiedersi, dunque, quale sia il sapere che veramente serve. Come possa essere guidato da “pensieri buoni” e da parole che non siano solo etichette come creatività, lateralità, diversità, solidarietà. Così è nato questo libro che mette insieme un po’ di ragionamenti, cercando di non essere troppo complicato.

 

Autore

Bruno Pezzella, Pedagogista, Supervisore alla Scuola Interuniversitaria Campana di Specializzazione all’Insegnamento (Università degli Studi di Napoli Federico II). Giornalista pubblicista (ha collaborato con i maggiori quotidiani napoletani). Docente di teoria e tecnica della comunicazione di massa, scrittore ed autore di saggi monografici.


Indice

PARTE PRIMA

IL SAPERE SCONOSCIUTO

Carta e carne

OBSOLESCENZA

Quello che rimane, quello che sarà

NUMERI, MOLTITUDINI E SOLITUDINI

Il tempo della conoscenza

PARTE SECONDA

I SAPERI FONDAMENTALI

L’occhio aperto

UNO PER UNO

Il sapere quotidiano (e le competenze di vita)

Il sapere della comunicazione

Il sapere scientifico, l’esperienza, la ricerca, la falsificazione

Il sapere della parola detta e scritta

Il sapere informatico

Il sapere creativo e il sapere emotivo e (anche) della pazzia

Il sapere della bellezza e della poesia

Il sapere riflessivo

Il sapere del silenzio, del suono e dell’ascolto

Il sapere ludico e l’homo game

IL SAPERE DIDASCALICO (SCOLASTICO E ACCADEMICO) E LE ISTITUZIONI DEL SAPERE

Falso movimento

L’INCERTO SAPERE ED IL MALVAGIO

Patè de foie gras

PARTE TERZA

IL SAPERE TRA PSICHE, CONOSCENZA E POTERE

Sistemi, legami, stupore

L’INSTABILTÀ DELLA RAGIONE E IL SAPERE SOSTENIBILE

I pensieri buoni che guidano il sapere

COSIMO E GREGOR

Il diverso e il superficiale

UNA CONDIZIONE INDISPENSABILE

Libero è il sapere

“FUORI MERCATO”

Ci sono certi tempi...

BIBLIOGRAFIA

 

Copyright 2013 Cuzzolin Editore - tutti i diritti riservati